Il progetto, promosso dal Consorzio FioriFrutti, ha rappresentato il primo tentativo organico di riunire le competenze delle imprenditorialità locali operanti nella filiera florovivaistica di una Regione in cui la floricoltura rappresenta un’attività economica importante che incide a  livello non solo regionale ma anche nazionale.

Inoltre, è stata centrale la considerazione dell’importanza di stabilire strette interazioni con un istituto di ricerca, quali l’Istituto Regionale per la Floricoltura, Ente strumentale della Regione Liguria, nel quadro dell’importanza crescente che viene data dalle strategie europee e regionali all’interazione pubblico-privato al fine di rafforzare la competitività del sistema.

Infatti, come emerso dalle diverse relazioni tecniche del presente progetto, le aziende hanno potuto mettere a sistema le loro esperienze conoscitive produttive-commerciali che sono indispensabili per poter  focalizzare i problemi e le potenzialità degli obiettivi prefissati.

Tuttavia, nelle stesse relazioni redatte dalle aziende viene fatto riferimento alla necessità di essere ricorsi o dover ricorrere ad istituzioni pubbliche di ricerca per studiare le problematiche e trovare soluzioni necessarie allo sviluppo virtuoso del sistema. 

Pertanto, riunendo le competenze pubbliche e private nel settore si è riusciti a costituire una massa critica sufficiente  per  realizzare un progetto innovativo.